TERREMOTO.

Ciao ragazze, buona domenica a tutte.

Come forse avrete notato, non sono solita su "Tra il filosofico e il cosmetico" condividere notizie di cronaca: preferisco che il mio blog resti uno spazio di leggerezza e allegria, benché naturalmente intorno a noi - quasi quotidianamente - accadano tragedie che ci smuovano dentro. Da ultima, l'attentato di ieri mattina a Brindisi che ha lasciato tutta l'Italia senza parole.
Anche se "Tra il filosofico e il cosmetico" resta sempre in silenzio su fatti come questo, non vuol dire che "chi sta dietro", cioè la sottoscritta, non si senta coinvolta da ciò che succede nel mondo di oggi. Come ho appena detto, preferisco tenere per me il dolore e lo sgomento, ma dedicare tutti i miei post ad argomenti piacevoli che possano essere di respiro da una situazione attuale davvero critica e compromessa. 

Vi sto scrivendo alle 7 di mattina, con lo stomaco ancora chiuso e le orecchie che ronzano dopo quello che abbiamo vissuto stanotte. La premessa che avete appena letto era d'obbligo per introdurre ciò che è accaduto poche ore fa, e che ci tengo a raccontarvi per dimostrare la mia solidarietà nei confronti di tutti coloro che hanno vissuto la mia stessa esperienza e che, per interminabili secondi, si sono sentiti inermi.
Verso le 4 di questa mattina, infatti, a Bologna si è avvertito un fortissimo terremoto: le prime notizie, poi confermate dai geologi, hanno parlato di due scosse maggioritarie (la prima verso l'una e un quarto), la seconda delle quali pari a 5.9 magnitudo della scala Richter. 

E' stata un'esperienza terribile. 
Ero a letto, nel silenzio della casa e della notte. In un attimo mi sono svegliata e ho realizzato cosa stava accadendo. Tutto tremava in obliquo, con una violenza tale che era quasi impossibile da credere. Quello che però mi ha colpito più di qualsiasi altra cosa è stato il RUMORE, il rumore del terremoto. Un suono sordo, cupo, costante, che è durato per tutti i venti secondi in cui si è verificata la scossa.

E' durato un momento, un momento che però è sembrato allungarsi almeno del doppio. 
Con una velocità inaudita, io e la mia famiglia ci siamo infilati felpa e scarpe e in men che non si dica abbiamo sceso i tre pianerottoli di scale che ci separano dal terreno, per raccoglierci nel cortile del nostro palazzo assieme a molti altri vicini. Non potevamo fare altro che aspettare. In strada, nel frattempo, si sono riversate altre persone, mentre tramite Internet sullo smartphone di mia sorella cercavamo di capire cosa fosse successo, se c'erano gravi danni e se qualcuno si era fatto male.

Ad ora, il bilancio è di tre morti. Sono stati confermati alcuni crolli dentro alle fabbriche nel Ferrarese e anche una cattedrale a Finale Emilia è stata danneggiata in maniera importante.
Fortunatamente, qui a Bologna non si sono constatati danni significativi. Ma è stato tremendo lo stesso. 
Nel risalire in casa, solo verso le 6 di mattina, abbiamo notato il pavimento dei pianerottoli coperto di un sottile strato di gesso, caduto dai muri portanti del palazzo. Grazie al cielo, nessun altro danneggiamento.


Quando ho acceso il computer per saperne qualcosa in più, mi sono imbattuta su un articolo che ha dell'inquietante. Un articolo nel quale si spiega la profezia Maya legata alla giornata di oggi, 20 maggio 2012, la quale coincide con l'allineamento del Sole, della Terra e delle Pleiadi e in cui, dunque, ci si potevano aspettare fenomeni naturali come i terremoti. 
Vi lascio constatare da voi, basta che clicchiate qua sopra


Ne approfitto per dimostrare la mia solidarietà verso le famiglie delle tre vittime, e colgo l'occasione di questo post per stringere in un abbraccio la famiglia di Melissa e tutte le persone colpite ieri a Brindisi. 
Provo a mettermi a studiare, anche se oggi non potrà più essere una comune domenica di maggio.


Fanni

Commenti

  1. Ho vissuto in prima persona il terremoto dell''80... per cui so bene cosa significhi. Mi dispiace tanto. Ti sono vicina. La paura col tempo svanirà... forza! Ti abbraccio <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Dea. L'importante è che non ci siano state conseguenze disastrose, anche se purtroppo il numero dei morti è già salito a 4 in Emilia. Speriamo di non vedere salire quella cifra... per il resto, stiamo in attesa di eventuali scosse d'assestamento o altri tremolii.
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Forza! Ti abbraccio forte <3

      Elimina
  2. Premesso che quella dei Maya è solo una gande stupidaggine, non farti impressionare, non c'è un esperto di storia Precolombiana che sostenga queste teorie strampalate, ma solo ciarlatani che si fanno pubblicità in tv.

    Per quanto riguarda il terremoto invece, si è sentito anche qui, non è stata una scossa forte come da te. Non ci ha indotti ad alzarci e uscire di casa ma solo a preparare le giacche a portata di mano (qui fa ancora freddo). Però capisco quello che dici del rumore, io mi sono tappata le orecchie finchè è finito per non sentire le cose sbattere. Quando è tornata la calma poi mi sono trovata a pensare al punto dove possa essersi avvertita la scossa maggiore e a desiderare che non fosse successo nulla di grave.
    Mi dispiace molto per la tua esperienza, mando un grosso abbraccio a te e ai tuoi. Intanto fatti forza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tanto, Lamia! Come ho appena risposto a Dea, fortunatamente nella mia città non dovrebbero essersi verificati danni gravi.
      A proposito della profezia Maya, anche io non ci credo del tutto - o comunque, sono molto scettica -, ma verso le 6, quando sono tornata su in casa, aver letto quell'articolo mi ha un po' scosso. E' datato 18 maggio, quindi due giorni fa... e si parla di un terremoto.
      Certo, sono tutte coincidenze... però ti dirò la verità, quando stamattina mi trovavo ancora in cortile, aspettando il momento giusto per risalire in casa, mi è subito venuto in mente che, in qualche modo, potessero c'entrare dei movimenti astronomici. Sarà quello o non sarà quello, certo è che il terremoto è brutto in tutti i casi.
      Ripeto: grazie al cielo a noi non è successo nulla.
      Un bacione e grazie mille per il tuo sostegno!

      Elimina
    2. è comprensibili che fossi scossa tesoro, ci mancherebbe altro!
      Sono felice che sia passata, anche se la paura immagino resterà per un po' ma piano piano passeràanche quella vedrai!

      Elimina
  3. Anche da me si è sentito forte, ma io non mi son svegliata...

    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo dai post su Facebook che anche un sacco di miei amici bolognesi non si sono accorti di nulla... ma bisogna avere veramente il sonno pesante, per non aver sentito una cosa del genere!
      Da voi tutto bene? Nessun danno?
      Un abbraccio a te.

      Elimina
    2. All'epoca di quello dell'Aquila anche a Roma qualcuno l'ha sentito e qualcuno no. A parte l'estensione di Roma (in alcune parti davvero non è arrivato il sisma) dipende molto dall'esposizione dell'abitazione e dal piano!

      Elimina
  4. Hai ragione, la cosa più terrorizzante del terremoto è il rumore e il tempo che si dilata. Lo ricordo bene da quello dell'Aquila. Nella mia parte di Roma è stato avvertito fortissimo e sono al quarto piano (mamma mia, si muoveva tutto). La terra sotto i piedi, in fondo, è la cosa più preziosa che abbiamo, a me i sismi terrorizzano. stringi i denti per lo studio, anche io all'epoca dovevo fare diritto pubblico! Studiare con la sensazione della terra che ti manca sotto il sedere non è una bella cosa...
    Spero tanto che a Bologna sia un episodio isolato, ti penso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ludo, ti mando un abbraccio forte forte e speriamo che questi Maya o chi per loro non avessero poi così ragione. :) Scherzi a parte, la nottata è stata bruttissima ma stiamo cercando di "ripristinare" la nostra domenica di riposo, pranzo in famiglia e studio!

      Elimina
  5. Fanni, non mi dimenticherò mai il terremoto che ho vissuto quando ero solo piccolina, il 23 Novembre 1980 a Napoli...di tutte le cose che possono succedere nella vita, questa è rimasta la mia paura più grande per me. per quanto riguarda i Maya, beh questo è proprio il mio nome e profezie non ne ho fatte ancora! Hai tutto il mio affetto, abbracci. XXX

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maya! Ti ringrazio tantissimo per le tue parole: in effetti, il terremoto è uno di quegli eventi naturali impossibili da controllare e soprattutto da prevedere, e forse è per questo che ci fa così paura... comunque, meno male che qui non si è fatto male nessuno. Come ho scritto, il pensiero va invece a chi non se l'è passata altrettanto bene...
      Un bacione, grazie di cuore ancora!

      Elimina
  6. ciao Fanni, ti sono vicina. Il mio ragazzo è di L'Aquila. Io non ho vissuto il terremoto in prima persona ma ne ho vissuto il dramma a pieno e quando vado lì e vedo la città distrutta ho sempre tanta tristezza in cuore, sapendo tutta la gente che è morta e tutte le speranze e i sogni che sono stati distrutti.
    Voglio darti solo un consiglio, che forse non ti darà nessuno perché in pochi hanno vissuto un terremoto: tieniti tutto a portata di mano nell'eventualità di una scossa. Purtroppo dopo una scossa forte ce ne sono altre di assestamento. Allo stesso tempo però non vivere nel terrore anche se mi rendo conto che è difficile. Insomma, fate attenzione.
    Lasciando stare le persone che lavoravano e quelle che sono morte per malori, è inconcepibile che si muoia per il terremoto, soprattutto se poche ore prima si è avuta una scossa d'avvertimento. Il terremoto di L'Aquila è stato molto simile e spero che sia stato d'insegnamento.
    Ma comunque, un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Jillian, credo che il terremoto a L'Aquila sia stato uno dei disastri più assurdi che siano mai capitati al nostro paese. Io purtroppo non ho avuto modo di rendermi conto di persona delle conseguenze che quel 6 aprile ha causato in tutta la città, ma soprattutto alle famiglie che hanno perso qualcuno di caro. So di per certo che non vi sono parole esistenti per esprimere tutto il rammarico, la sofferenza e il senso di solidarietà verso gli abitanti abruzzesi.
      Qui la situazione, fortunatamente, è stata molto meno grave - nonostante il bilancio dei morti continui a crescere, ora si parla di sei persone.
      Ma speriamo che la terra ora ci lasci in pace e che episodi come questo capitino il più raramente possibile.
      Ti stringo forte.

      Elimina
  7. Io sono a Reggio Emilia e l'abbiamo sentito benissimo! Hai ragione, il rumore del terremoto è indescrivibile... Speriamo che da ora ci sia solo un po' di assestamento... Il pensiero più grande va ovviamente alle vittime, sia della natura che della follia umana a Brindisi...

    Boo di Insane Bazar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da voi a Reggio Emilia ci sono stati danni? Qui fortunatamente quasi nulla...
      Un abbraccio anche a te!

      Elimina
    2. Direi di no, non ha fatto danni, solo molta paura... Ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  8. oh Gioia ti capisco! Io ho già vissuto due terremoti uno qui e l'altro in VCalifornia, per fortuna abbastanza lievi. Cerca di rilassarti e non ci pensare.

    C:

    http://moneygonefor.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio bella! La paura è stata tanta ma ora ci stiamo mangiando su! Maialino sardo e patate al forno, un ottimo rimedio contro questo brutto episodio!

      Elimina
  9. Ciao Fanni, anche io mi sono spaventata molto, vivo a Bergamo e l'ho sentito tanto..
    Ho passato la notte insonne, dovrei studiare anche io ma ho proprio poca testa per farlo.
    E' come se stessero succedendo troppe cose brutte, di vario tipo, tutto insieme..
    Maya o no, non è sicuramente un bel periodo, sotto nessuno punto di vista.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già... la differenza è che gli eventi naturali non si possono evitare... le catastrofi umane invece sì.
      Un grosso abbraccio, spero che da voi in quel di Bergamo non si siano riscontrati grossi danni.

      Elimina
  10. Stamattina quando ho sentito del terremoto di ho pensato subito!! Meno male che è tutto ok, io ne ho vissuto uno purtroppo a Palermo quando ero piccolina ma me lo ricordo bene!

    Forza Forza Forza che passa tutto!
    Un pensiero alle famiglie delle vittime che adesso sono salite a 7 ;(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Cla... ormai sono passate diverse ore, siamo stanchi perché non siamo riusciti a riaddormentarci ma sollevati dal fatto che non sia successo niente. Anche se purtroppo altre famiglie non se la passano bene come noi...

      Elimina
  11. Ciao Fanni! Sono vicina a tutti quelli che hanno percepito la scossa.. io abito a Torino e la scorsa estate c'è stata una scossa di 4.3
    E' stato orribile... all'inizio non capivo, dicevo non è possibile sia il terremoto.. poi è arrivato un rumore assordante e il pavimento ha iniziato a tremare sempre + forte... durato anche qui forse neanche 30 secondi ma è sembrato un'eternità!
    La cosa più brutta è la sensazione di impotenza e la speranza che non ti crolli il tetto addosso!
    Essere colti di notte deve essere ancora più terribile! Ancora adesso alla minima vibrazione ho una gran fifa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essere colti di notte significa non avere idea di cosa ti sta succedendo intorno: ci metti qualche secondo a realizzare che tutto intorno a te oscilla paurosamente, ma - ripeto - la sensazione più assurda è questo rombo che squarcia il silenzio, una voce tetra e inimmaginabile che ancora mi risuona nelle orecchie.
      Speriamo che tra oggi ed i prossimi giorni non ci siano altre scosse, per lo meno non così forti...
      Un bacio Fede, grazie mille per il tuo commento di supporto!

      Elimina
  12. Anche io ho sentito la scossa e vivo a Milano quindi non proprio vicinissima a te, se fossi stata li altro che spavento! vedrai che ti passerà, il maialino sardo mi sembra un'ottimo rimedio contro i brutti pensieri! come già hanno detto le ragazze prima di me: un pensiero alle famiglie e agli amici dei morti di stanotte e di Brindisi...un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto che la scossa si è avvertita fino in Croazia... quindi immagino che anche da voi il terremoto sia arrivato bello forte...
      Ad ogni modo, non possiamo fare altro che sperare che vada tutto bene e che non ci siano altri problemi come quello di stanotte. Naturalmente, ribadisco la mia solidarietà nei confronti di chi è stato più sfortunato di noi, ed anche alle famiglie di Brindisi.
      Grazie mille per avermi scritto, sei stata gentilissima...

      Elimina
  13. Qui a Reggio (collina verso la montagna) si è sentito bene anche se non ha fatto danni, la cosa che mi ha colpito di più, dato che purtroppo questo non è il mio primo terremoto ma il 4 :-/, è stata la durata: un'eternità!!
    Svegliarsi con il letto che dondola e non capire subito cosa sta succedendo è bruttissimo! Io continuavo a pensare "sarà vicino ma leggero o lontano ma molto forte?" ma non riuscivo a realizzare bene perchè, ripeto, per fortuna è stato solo un lungo dondolare e nessun danno (abito a pianterreno però).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie delle tue news da Reggio. Qui a Bologna c'è appena stata un'altra scossa, noi abbiamo deciso di preparare un borsone d'emergenza, nel caso dovessimo passare le prossime ore fuori casa. Se qualcun altro ha notizie più attendibili, se vuole può scrivermi qua sotto. Nel caso non potessi più usare il computer, avrò comunque modo di comunicare con voi dal cellulare...

      Elimina
  14. Ciao, eccoti un tag carino, spero verrai a farlo!

    http://jillianconsigli.blogspot.it/2012/05/tag-11-domande.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di avermi taggata, Jillian. Quando riuscirò, risponderò sicuramente alle tue domande!

      Elimina
  15. E' stata una notte terribile...io ero agitatissima!
    ho un'amica che è di Mirabello (Ferrara) e ha detto che ci sono stati tantissimi danni soprattutto alle costruzioni vecchie...le case invece sembrano tutte intatte...
    a me fanno paura anche le scosse di assestamento...non se le hai sentite ma alle 15 ce n'è stata una fortissima...speriamo che sia finita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono scesa in strada con tutta la mia famiglia... stanotte è stato tremendo vero? Tu cosa pensi di fare? Noi abbiamo preparato degli zaini d'emergenza, nel caso in cui si dovessero ripetere scosse come quella delle 4 o delle 15...

      Elimina
    2. speriamo che non succedano di nuovo! comunque anche io ho preparato vestiti e zaino per andare in macchina...

      Elimina
  16. Mamma mia Fanni, io ero a dormire a casa del mio moroso! abita a tre minuti da Finale Emilia (uno degli epicentri!) tutti i mobili sono a terra! sono caduti giù i camini dai tetti le fabbriche distrutte... ho avuto veramente paura! è da due notti che non dormo, ho preso una carica di paura allucinante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, ci credo... Io abito praticamente nel centro di Bologna, e già da noi - a 36 km dall'epicentro - la scossa di sabato sera è stata fortissima... non oso immaginare la paura che avete avuto voi, così vicini al punto da cui è partito tutto.
      Noi qua, a parte un'altra scossa abbastanza pesante ieri pomeriggio, non abbiamo più sentito nulla (oltre, dimenticavo, ad un leggero tremolio verso l'ora di cena)... da voi invece com'è la situazione? La terra continua a tremare?
      Vi sono vicina e vi stringo in una abbraccio.

      Elimina
    2. Per il momento ci sono scosse di assestamento, alle 14 ce n'è stata un'altra di magnitudo 2.8! quella di ieri pomeriggio è stata forte ma è durata pochi secondi...
      Devo però ammettere che la gente del paese si sta dando un gran da fare, i vigili del fuoco sono bravissimi e sempre a disposizione!

      Elimina
    3. Hai fatto bene a scriverlo: in un momento come questo dove in Italia si registrano tanti fatti negativi, bisogna anche ricordarsi che il nostro è un Paese splendido, ed è fatto soprattutto di persone solidali, laboriose ed oneste.
      Tenete duro e speriamo che l'assestamento sia quasi terminato, così potremo (ma soprattutto potrete) iniziare a guardare all'estate con il sorriso, cercando di dimenticare questo bruttissimo episodio...

      Elimina
  17. E' un esperienza bruttissima...!!!Ti abbraccio forte...e un abbraccio a tutti coloro che hanno vissuto questa bruttissima esperienza...!!!Hai ragione..il rumore del terremoto non si riesce a descrivere...è sordo..pauroso..!!!Spero che la situazione si stabilizzi nel minor tempo possibile..!!Un bacio forte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tantissimo Manu, il tuo supporto è prezioso... così come quello di tutte le ragazze che mi hanno dimostrato la loro vicinanza.
      Speriamo davvero di non avvertire altre scosse, e che tutte le province colpite si risollevino da questo bruttissimo incubo.

      Elimina

Posta un commento