Il mio inno al blog

Spesso penso a cosa sarebbe accaduto se, quel giorno di quasi due anni fa, io non avessi cliccato sul bottone "Crea il tuo blog" qui, sulla piattaforma Blogger, dando così origine a "Tra il filosofico e il cosmetico". Come se si trattasse del mio personale "Sliding Doors", mi ritrovo ad immaginare a quanto avrei potuto perdere se non avessi accettato il suggerimento della mia amica Yuna: perché non apriamo un blog? 
Quel che è certo, è che mai mi sarei aspettata di guadagnarci così tanto... e, naturalmente, non parlo di un guadagno economico.



Poche persone sanno di questo blog: persone che fanno parte della mia vita reale, intendo. 
Ho scelto di mantenere l'anonimato perché ciò che mi interessava era scrivere, ma l'essere letta dai miei amici non era nei miei programmi. Era molto più forte la voglia di fare una nuova esperienza, svincolata da tutto e da tutti, che mi permettesse di ripartire da zero e costruire qualcosa da me e per me. 
Ho deciso di non rendere pubblica la mia avventura perché penso che la maggior parte delle persone non la capirebbe (o meglio, non la vorrebbe capire): in fondo, a che pro impiegare il proprio tempo nello scrivere recensioni gratuite per prodotti cosmetici, e a che fine scattare immagini di borse o bracciali di marchi che non ti si fileranno mai di striscio... (Chi tra voi non si è sentita, almeno una volta, ripetere queste frasi?)


Ma il bello è proprio questo... e solo chi ha un blog come me può capirlo. 
Soprattutto, lo può capire chi ha deciso, sempre come me, di cliccare il tasto "Crea il tuo sito" con lo stesso entusiasmo che ci ho messo io, con la voglia di iniziare una nuova esperienza, non sapendo cosa lo aspettava, non sapendo come sarebbe andata... 
Mi scopro a ripensare ai primi tempi, in cui ancora tentavo di capirci qualcosa. Quelle visualizzazioni che erano sempre poche e quegli articoli impacciati che ancora non mostravano la mia voglia di condividere. 
Ci è voluto tempo, certo. Piano piano, alcune persone mi hanno dato fiducia e hanno iniziato a ritrovarsi su "Tra il filosofico e il cosmetico" per dire la loro. Per fare un apprezzamento. Per dire semplicemente: "brava, buon lavoro". 


Io non do nulla per scontato, mai. E sappiate che ogni singolo gesto che ho ricevuto, è valso per me quanto vincere un milione di euro alla lotteria. Perché io, benché non mi senta assolutamente arrivata, penso proprio di aver vinto. 
Ho vinto perché ho creato qualcosa da zero, decidendo da sola a seconda del mio gusto e dei miei pensieri, e potendo vivere in estrema libertà uno spazio tutto mio. Uno spazio mio che è diventato anche vostro, un luogo in cui rifugiarsi dopo una giornata stressante per godersi qualche attimo di pace. 
Ci ho speso tanto, per questo blog: tempo, energia, passione, idee, denaro... ce l'ho messa tutta, credetemi. 



Ho fatto anche degli errori, dettati dall'ingenuità e dall'impulsività. Soprattutto agli inizi. 
Ecco perché il consiglio che mi sento di dare, a coloro che sono dell'idea di aprire un blog o comunque si trovano, alle prime armi, ad affrontare il web, è quello di non avere fretta. Di non volere tutto e subito. Di rispettare i tempi, di fare un passo alla volta. E' solo con la pazienza che si riusciranno a tagliare i primi traguardi. 
Bisogna avere degli obiettivi, ma servono anche tanta costanza e tanta perseveranza per raggiungerli. Non ci si deve far abbattere dagli ostacoli, dai "no" che si ricevono, dalle risposte che non arrivano, dalle critiche che a volte piovono dal cielo come un temporale nel bel mezzo di una settimana di sole. 


Aprire e mantenere un blog, per me, ha significato, significa e significherà sempre avere qualcosa da dire... e volerlo dire. Argomentare, spiegare, confrontarsi, condividere, parlare, scambiarsi idee, pensieri, esperienze, consigli. Dare l'opportunità agli altri di crescere, e imparare noi stessi, a nostra volta, da qualcun altro. Saper accettare che ci sarà sempre qualcuno che otterrà più di noi: visualizzazioni, collaborazioni, riconoscimenti... ma non farsi per questo scoraggiare. Perché tenere uno spazio virtuale non significa provare ad aggiudicarsi qualche prodotto senza spendere un euro, non significa popolarità, non significa nemmeno iohopiùfollowersdite... 



Scrivere su un sito vuol dire, almeno per me, darsi la possibilità di parlare. Ma soprattutto, rendere gli altri capaci di ascoltare. E di replicare. 
Questo è ciò che cerco di fare qui, un po' come nella vita vera. E anche se sono sempre molto felice di ricevere e-mail da aziende o da persone interessate a ciò che faccio, sono altrettanto contenta della mia quotidianità, che si rivela a voi con articoli di recensione piuttosto che presentazioni di prodotti insoliti che trovo spulciando su Google. 


"Tra il filosofico e il cosmetico" non ha pretese: né di insegnare qualcosa a qualcuno, né di essere un sito qualificato per dire la verità assoluta. "Tra il filosofico e il cosmetico" sono io, al cento per cento. Io nel mio entusiasmo, nella mia gioia di fare e di scoprire, nel mio bisogno di rifugiarmi negli altri blog per sapere che c'è qualcun altro che condivide le mie passioni con la mia stessa intensità.
E' un viaggio, un viaggio che ad ogni tappa si fa sempre più interessante e coinvolgente... un viaggio che, tramite i tasti del pc, i pixel dello schermo, i colori delle foto e le parole scure su fondo bianco come fossero formichine, mi rende ogni giorno più orgogliosa di me stessa e della scelta che ho fatto. 



Sono certa che anche voi, voi che mi state leggendo, vi godete la vostra esperienza come me la sto godendo io. Lo so perché, nelle diversità dei nostri spazi e dei nostri caratteri, ci accomuna un'unica, grande certezza: amiamo i nostri blog ed è un vero piacere continuare a scrivere, che sia di make up, moda, viaggi, libri, film o qualsiasi altro argomento.



Perché questa riflessione? Perché queste parole così "filosofiche" sul tenere e mantenere un blog? 
Beh, volevo che il primo post di settembre riassumesse chi sono e cosa faccio; volevo finalmente dire la mia su questa esperienza che dura da due anni; e volevo anche approfittarne per infondere coraggio a coloro che, magari, sono agli inizi e si sentono spaesati. 
Questo è ciò che è stato fatto anche con me, quando "Tra il filosofico e il cosmetico" aveva solo pochi mesi di vita: se non ci fossero state le persone che invece ho avuto intorno, tutto ciò probabilmente non sarebbe accaduto. 
Ve l'ho detto: non do mai nulla per scontato, e il fatto di essere cresciuta anche grazie ad altre persone è per me sinonimo di grande umanità, generosità, senso di condivisione. 



Se vi va di dirmi come la pensate, mi trovate qui, come sempre, sarà un piacere leggere i vostri commenti. 
Buon settembre a tutti e, in generale, buon nuovo inizio del caro, vecchio, solito tran tran.


Fanni

Commenti

  1. Che post meraviglioso Fanni. Inutile dire che mi ritrovo in ogni parola che hai scritto. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Anche io..Mi ritrovo in tutto e per tutto..Bravissima :)

    RispondiElimina
  3. Ciao Fanni,
    leggerti è sempre un piacere, rubare qualche minuto al mio lavoro per leggere quello che hai scritto è sempre utile anche per riflettere e per meglio dirigere le mie energie verso dei progetti che voglio realizzare. Si apre per me una una avventura almeno ho tutta l'intenzione di aprirla perchè la ripetitività della vita non fa al caso mio. Cerco in ogni fibra del mio essere di far crescere i miei progetti come coccolo le mie aspettative, così faccio per il mio spazio che cammina con le sue gambe il che mi rende sempre molto soddisfatta. Hai ragione bisogna aver pazienza per vedere il proprio spazio camminare da solo. Baci buona giornata Alex

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post Fannina. E che dire, ti capisco in tutto e per tutto! w i blog :)

    RispondiElimina
  5. Mi piacciono tantissimi questi tuoi post più "filosofici", così come mi piacciono quelli "cosmetici"!
    Hai detto cose molto giuste: condivido tantissimo il fatto di non aver fretta se si apre un blog, anche se spesso capita di avere la sindrome del "tutto e subito". Le cose fatte con calma sono più curate e rendono spazi come questo più personali, secondo me è come se il tempo ci legasse più profondamente alle cose, compreso il blog! :)
    ( Non so se mi sono spiegata bene, sono un po' pasticciona quando devo dare questo tipo di spiegazioni.. :) )
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  6. Bel post e grazie dei consigli...è proprio vero che la sindrome del "tutto e subito" è terribile, arriva del tutto inconsciamente e ti lascia una bruttissima sensazione di disagio intorno, ma è bello sapere che anche altre persone ci sono passate (si...insomma, non perchè mi faccia piacere sapere che uno vive con l'angoscia, ma è un po' come farsi compagnia a distanza) :)
    Robi

    RispondiElimina
  7. Ciao Fanni, molto belle le parole che hai scritto...mi ritrovo esattamente in tutto quello che hai detto...complimenti davvero per questo blog fantastico =)

    RispondiElimina
  8. In realtà ho scoperto ora il tuo blog e me ne dispiaccio. Credo però non ci potesse essere post migliore come presentazione (involontaria) ai miei occhi. Mi ritrovo molto nelle tue parole, è lo stesso spirito che ho avuto fin dall'inizio io, anche se da qualche mese ho abbondonato l'anonimato:-)
    Il primo punto rimane sempre per me scrivere di ciò che mi piace e condividerlo con chi, anche per caso, si trova a leggere i miei pensieri.

    Complimenti;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta su "Tra il filosofico e il cosmetico", allora! Piacere di fare la tua conoscenza Lucy! :)

      Elimina
  9. Trovo molto bello questo post e le immagini con cui l'hai condito. Ma soprattutto trovo belli i contenuti, azzeccati e sempre ben scritti.

    RispondiElimina
  10. bellissimo post tesoro! Condivido in pieno tutto quello che dici e, se permetti, te lo pubblicizzo sulla mia fan page di facebook! Per fortuna quel giorno hai cliccato "crea il tuo blog"...^_^

    RispondiElimina
  11. condivido tutto tranne quel click perché io non sono su blogger col mio e wordpress funziona diversamente.

    quisquilie, insomma.
    E ora sbircio il blog.

    RispondiElimina
  12. Vi ringrazio tutte dal più profondo del cuore: ero quasi certa che l'articolo vi sarebbe piaciuto, perché nei vostri blog mettete tutta la passione che io metto nel mio! E' tangibile!!!

    RispondiElimina
  13. Mi serviva proprio, oggi che riparto da zero, un post del genere! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, cosa vuol dire che riparti da zero? Mi sono persa qualcosa?

      P.S. Tantissimi auguri, so che oggi è il tuo compleanno!

      Elimina
  14. Mi son letta il post tutto d'un fiato e condivido pienamente quello che hai scritto Fanni :) Mi raccomando, continua ( e continuiamo ) ad avere questa grande passione ed entusiasmo! un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  15. ♡ bellissimo post! grazie! Buon inizio settembre a tutti e buon inizio scuola a me e a chi la inizia!

    RispondiElimina
  16. Cara Fanni!!!
    Lo sai che hai ragione!?
    Posso portare la mia esperienza, avendo sospeso la scrittura del blog per svariati mesi mi sono resa conto di quanto questo spazio virtuale sia utile, è un pò una terapia, stacchi dal mondo esterno, incontri nuove persone e impari a condividere emozioni e ad ascoltare pareri diversi.
    Il tuo blog mi è sempre piaciuto e l'ho sempre seguito, è un pò come una rivista che ti piace, la compri e non vedi l'ora di leggerla e sfogliarla anche solo per prendere uno spunto!

    Continua così hai fatto un ottimo lavoro fino ad ora.

    Ti auguro ogni bene!

    Baci

    Virgi

    RispondiElimina
  17. Mi ero persa questo tuo bel post! Io sono felicissima di condividere con te questo nuovo anno!!! Un bacio enorme, Hermosa

    RispondiElimina
  18. Quello che hai scritto è davvero bellissimo... Avere un blog è prima di tutto comunicare.
    Credo anche io sia lo spirito che porta ciascuna di noi a scrivere, quello di condividere e replicare/parlare/conoscere e conoscersi. E le tue parole danno molta forza anche a chi, come me, ha appena iniziato.
    Quindi, grazie! :)

    RispondiElimina
  19. Che bello questo post Fanni!!!!
    Veritiero e più che condivisibile!
    Anche io, come te, ho scelto di dire del blog a pochissime persone che frequento abitualmente, per le tue stesse motivazioni.
    E confermo, per fortuna che hai schiacciato "crea il tuo blog" quel giorno di due anni fa! :)

    RispondiElimina
  20. Ecco una delle cose che mi piace di te: l'unione del cosmetico col filosofico. Mai titolo di un blog fu più azzeccato

    RispondiElimina
  21. Ciao Fanni, è davvero un post bellissimo e che condivido in pieno!! Ho aperto da poco il mio blog e nonostante non ci siano ancora commenti di risposta su pareri e opinioni voglio continuare a scrivere quello che ho dire :) Per ora sull'ambito cosmetico e a breve anche su tutto il resto che fa parte delle mia passioni...dal momento che le mie amiche non sono molto "ferrate" nella cosmetica, spero di poter incontrare qui delle persone con cui confrontarmi :) Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo per la tua nuova esperienza! Spero sarà bella tanto quanto lo è la mia, da due anni e mezzo a questa parte! :*

      Elimina

Posta un commento