Le cose belle della vita non sono cose

Una volta ho letto questa frase: "Le cose belle della vita non sono cose".
Mi ha fatto riflettere.

Spesso, se non sempre, ci soffermiamo alla materialità di ciò che ci circonda e il nostro sguardo non si spinge oltre. 
Rimane in superficie, poggiato all'esterno. Come una farfalla che, svolazzando, arriva a posarsi sulle tapparelle della finestra di camera nostra... e lì sta.

Quando rifletto su queste parole - "Le cose belle della vita non sono cose" - mi guardo dentro e trovo talvolta, anzi, di frequente, discordanza sui miei sentimenti e sulle mie azioni: nel cuore riconosco il concetto, ma nei comportamenti mi rendo conto di non metterlo in pratica.
E' difficile, comunque, cercare di non essere schiavi del consumismo, delle banalità, della "punta dell'iceberg" che si riesce a vedere a pelo dell'acqua. 
E' difficile, in altre parole, trovare e apprezzare sempre, di continuo, il senso della giornata che viviamo.

Personalmente, mi capita di ragionare di tutto ciò alla sera, quando vado a letto: prima di scivolare nel sonno, ripenso alla giornata e tiro le fila di quanto ho fatto e di ciò che mi aspetterà l'indomani. 
Rifletto su cosa ho sbagliato e su cosa potrò migliorare, dal risveglio in poi. E il giorno dopo si ricomincia.

L'animo è sempre quello: di chi vuole scavare a fondo, di chi non vuole fermarsi ma soffermarsi.
E, alla fine, non credo che con un paio di scarpe in più o un ombretto in più nella propria collezione di trucchi ci si allontani di molto dall'essenza della vita.
L'importante, a mio avviso, è non essere solo questo. Non essere "solo", ma essere "tanto".

"Le cose belle della vita non sono cose".
Per me, le cose belle della vita sono l'amore e la natura. Declinati, entrambi, in ogni forma.
L'amore è un gesto, una parola, uno sguardo. Da parte della famiglia, del proprio compagno o della propria compagna, degli amici, anche degli sconosciuti.
La natura è il sole che splende fuori, il vento caldo che annuncia l'arrivo di maggio, una passeggiata in un parco e la contemplazione di un tramonto o delle stelle.

Per voi quali sono le cose belle della vita? Mi piacerebbe che mi raccontaste come vivete la frase protagonista del post di oggi.
Inoltre, mi interesserebbe sapere come vivete la dicotomia esterno-interno, cioè il rapporto tra ciò che siete e ciò che apparite agli altri: concordate con me sul fatto che si possa e si debba essere "tanto" e non "solo"? Come applicate al quotidiano tale principio?

Spero che nascano delle belle riflessioni tra i commenti sotto a questo articolo.
Nel frattempo, vi auguro un meraviglioso venerdì e un riposante weekend di fine aprile: non dimenticate, se vi va, di prendere parte al mini-giveaway che ho pubblicato ieri, dal nome "Petalo di primavera", che potete ritrovare cliccando qui. Il premio non è grande, lo so, ma come sempre è fatto col cuore.

Vi bacio,


Fanni

Commenti

  1. Che bel post, Fanni!
    Ammiro tantissimo il fatto che la sera prima di andare a dormire ti metti di fronte alla tua giornata e ne esamini il bello e il brutto!
    Io negli ultimi mesi ho cambiato il mio approccio nei confronti di determinati aspetti, e mi sono resa conto che passare sopra alle cose non serve, bisogna affrontarle, vederle e non far finta di niente.
    Purtroppo non sempre è così con ciò che si ha intorno..
    Però cerco sempre di guardare prima a ciò che faccio io prima di spendere parole sugli altri..
    Certo che sbagliare è umano, ci mancherebbe; è bello anche riconoscere i propri errori, e imparare da essi..

    RispondiElimina
  2. La frase è di quelle che fanno pensare, sempre che si abbia la voglia di soffermarcisi. Ed è sul serio così. Le cose importanti non sono mai cose. Gli oggetti sono solo oggetti e dovremmo trattarli con maggiore superficialità rispetto a ciò che conta davvero. Eppure, non è sempre così. Io sono la prima a dare molta importanza alle cose materiali. Forse è più facile attaccarsi ad una cosa che ad una persona...è meno impegnativo.

    RispondiElimina
  3. Secondo me "le cose belle della vita non sono cose" ma è la vita stessa...pensiero forse un po' banale ma senza la vita non potremmo mai sperimentare niente. In questo momento di transizione ringrazio sempre i miei genitori di avermi fatto questo regalo e delle cose materiali ultimamente mi interessa molto meno! E oltre alla vita la cosa bella sono le persone, tutte...da quelle che ci vogliono bene a quelle che non ce ne vogliono. Perchè ogni persona è un arricchimento per noi!
    Buon weekend lungo!

    RispondiElimina
  4. Frase più che mai vera, nei momenti in cui sono veramente felice è sempre per qualcosa di immateriale (ovviamente sto parlando della Felicità con la "F" maiuscola, non della felicità per un maglioncino nuovo;-) anche per me spesso si tratta di amore, altrettranto spesso di natura!
    Tanto per fare un esempio, questa sera mentre cenavamo mio marito mi ha fatto uno scherzetto stupido che mi/ci ha fatto ridere come matti, in quel momento ho pensato "sto proprio bene con lui" (sposati da 15 anni!) e mi sono sentita Felice!
    :-)

    RispondiElimina
  5. post bellissimo..io da un paio di mesi a questa parte ho cambiato molto il mio modo di essere e di apparire anche,uno dei propositi di quest anno era ed è essere più ottimista per cercare di cogliere sempre il meglio in tutto,e funziona..per me la felicità è nelle piccole cose basta saperle apprezzare :)

    mallory

    RispondiElimina
  6. come sempre bellissimo post! Io condivido le tue cose importanti, per me sono l'amore (per la mia famiglia, i miei amici ma anche gentilezza verso gli altri, almeno chi lo merita), la natura e i miei animali. Senza queste 3 "cose" non riuscirei ad andare avanti. Un bacione

    RispondiElimina

Posta un commento