F come Fotografie


Torno, ancora una volta, a parlare di fotografie.

Sì, perché le foto sono una costante della mia vita, così come la sveglia alle sette, la macchinetta del caffè già pronta sui fornelli e lo studio di tomi colossali per gli esami di Diritto.
Sono una costante come il caldo d'estate e il freddo d'inverno, il tramonto che tanto amo guardare e la neve che da poco è caduta sui tetti di Bologna.


In ogni foto racchiudo uno scatto della mia anima... in ogni foto racchiudo un ricordo.

Giusto qualche giorno fa, parlavo proprio di questo con un amico. Del valore delle fotografie. Dell'importanza che esse hanno nella mia vita, e forse nella vita di tutti noi. 
Lui diceva che, dopo un po', smette di godersi il momento se lo passa semplicemente a scattare - quasi come se la macchina fotografica lo schermasse dalla realtà delle cose. 
Per me, invece, è tutto il contrario. 


La precedenza ce l'ha sempre lo sguardo: con la voglia di assorbire colori, immagini, consistenze, materiali, forme, stili, situazioni, fermi immagine, scene da film. 
Dallo sguardo si arriva al cuore... e se il cuore sente, allora è tempo di fare una fotografia. Repentina, come un acquazzone d'estate o il formarsi di un arcobaleno.
Repentina come un lampo, come un battito di ciglia.
Repentina come uno schiocco delle dita, un respiro, un battito del cuore.


Io ho bisogno delle fotografie, al pari dell'aria e dell'acqua.
Sono il mio bagaglio più sincero di ricordi: perché, nel cuore e nella mente, il trascorso assume forme diverse a seconda del tempo, e delle emozioni. Ma gli scatti rimangono, immutabili e intangibili. Testimonianze a volte feroci e a volte dolcissime, testimonianze di verità, testimonianze di vita vissuta.


A volte, i sorrisi che scovi dentro le foto non sono reali. Non sono sorrisi di cuore, ma di circostanza. Eppure hai sorriso lo stesso, e sei stato immortalato. Magari, quell'attimo, lo ricorderai per sempre, ammonendo te stesso a non sorridere più senza sentimenti. 
Le fotografie hanno questo potere: ricordano, spiegano, mostrano... senza dire niente.


Talvolta, quando sento il bisogno di riafferrare imprendibili fila di emozioni passate che stento a trattenere tra i ricordi, metto su qualche bella canzone - sì, quelle fatte apposta per me, le colonne sonore della mia vita - e inizio a sfogliare gli album... siano quelli fisici, di quando ero piccola, che quelli virtuali, riposti ordinatamente in cartelle e file sul mio computer.
Ed eccomi a Londra, a Parigi, al mare, in montagna... eccomi in discoteca, eccomi con le amiche.

Sì, ho vissuto davvero tutto questo, anche se a volte smarrisco qualche tassello. Ma il puzzle, nel cuore, si ricompone subito, alla vista di certe immagini. Perché non importa quanto tempo passi, e quante persone entrino ed escano dal nostro percorso... le fotografie hanno il potere di riportarci indietro, in quel preciso istante nel quale sono state scattate, affiancandoci a chi eravamo e a coloro coi quali abbiamo vissuto il momento.


Non è il presente a dover essere vissuto per mezzo di una fotografia, o tramite una macchia fotografica. E' nel futuro che possiamo ricordare... è nel futuro che le fotografie acquistano valore. Un valore incommensurabile, un valore inestimabile.


Se anche voi volete raccontarmi il significato che date alle fotografie, mi trovate qui, con l'immensa voglia di ascoltarvi e il piacere di trarre insegnamenti e ispirazioni dalle vostre parole.
Buon lunedì e buon inizio settimana a tutti quanti voi,

Fanni

P.S. Immagini tratte dall'album fotografico "Anche dopo il più freddo degli inverni tornerà la primavera" de "La perla nera.".

Commenti

  1. ciao Fanny
    io la penso proprio come te, mi piace fare foto (e per questa passione ho speso davvero un sacco!) e mi piace anche farmele fare perchè credo siano insieme coi nostri ricordi l'unica forma tangibile di ciò che abbiamo passato nella vita.

    Anni ed anni fa era diverso perchè con la pellicola si aveva cura delle pose, del momento, della foto stessa e si cercava di non sprecare click (mio nonno e mio padre in questo erano maestri!) mentre oggi con l'avvento del digitale si tende un pò a fotografare tutto in milioni di pose facce tanto.. io, nonostante le foto mi piacciano, cerco di catturare gli attimi.

    Queste che hai scelto tu -non ho capito se sono tue, se sì sei davvero brava!- hanno dei colori fantastici che ricordano la primavera, bellissime. Io sono un'amante del b/n ma a volte non disdegno il colore realistico, magari saturo.

    Ad ogni modo ti seguo con piacere, se ti va fai un saltino da me. A presto ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, grazie mille per essere passata e aver detto la tua. Le fotografie non le ho scattate io, ma com'è scritto in fondo al post sono state tratte da una pagina Facebook.
      Un bacione

      Elimina
  2. le foto sono belle catturano attimi che potremo rivivere solo con loro,un bacio post davvero notevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bacio e grazie per aver letto il post!

      Elimina
  3. Fotografia: meravigliosa opera che ti permette di immortalare attimi impossibili da dimenticare...

    Bellissimo post complimenti :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima frase, Sme!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Anch'io, come te, amo molto la fotografia, forse eredità dei geni di mio nonno o di tutta la famiglia, chi lo sa?
    Anche per me fotografare vuol dire fissare in maniera indelebile un attimo di vita che mi ha procurato una qualche emozione, piacevole o no. Peccato non aver sempre a disposizione una fotocamera (o averla con le pile scariche... ehm... ehm...) o essere a volte troppo lenti nell'immortalare la scena (mi ricorderò per sempre l'airone gigante che mi passò a 3 metri di distanza e io, inebetita davanti a tanta bellezza, non scattai manco una foto), ma quando si ha la possibilità di scattare una foto, poi la soddisfazione ci ricompensa anche di quelle perse.

    Per pigrizia (non amo portarmi appresso apparecchi ingombranti e pesanti) e per costi, non utilizzo reflex, ma ho delle buone compatte, bridge e vie di mezzo tra le due, ma non sono mai soddisfatta, ahimè: trovo il difetto in tutte. La macchina PERFETTA ancora non l'ho trovata e dubito che esista.

    Sono un po' "purista" nel senso che non amo lavorare in post-produzione: preferisco cercare di fare uno scatto valido fin dal principio, com'era quando si utilizzava la pellicola. Però il digitale lo apprezzo di più: è economico e anche il portafogli vuole la sua. E poi non cambia nel tempo: la foto stampata o il negativo possono rovinarsi, cambiare colore, ecc., mentre col digitale questo rischio non c'è. E occupa meno spazio di archiviazione.
    Però ha il difetto di far scattare centinaia di foto anziché decine e, alla fine, spesso queste foto vengono dimenticate in una cartella del computer, senza essere più degnate di uno sguardo: triste fine per una foto che ha molto da dire, di sé, degli altri, del mondo, della vita...

    Mi ha fatto molto piacere scoprire qualcun altro con la passione per la fotografia e che la vive come me:per catturare i ricordi, le emozioni, le sensazioni.

    Continua così e... facci vedere qualche bella foto!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per questo splendido commento, farò tesoro delle tue parole! Per quanto riguarda le mie foto... beh, diciamo che di alcune sono molto gelosa e non credo potrei mai condividerle sul web, sono un po' troppo personali... :)

      Elimina
  5. Io ho inziato da bambina con una vecchia Kodak nera di mio padre. Sono passata attraverso le usa getta, per i miei primi due viaggi studio, e dalla mia prima Kodak digitale ad una Canon ed una Nikon compatta, per poi passare alla reflex. Chi mi conosce sa che la fotografia fa parte integrante di me. Seppur a livello amatoriale, quell'attimo lo devo cogliere. Un paesaggio, un sorriso, un capriccio, una lacrima, una foglia, il mare. Per rivederlo e per non dimenticarmi di quello che è stato. Sfogliare le foto mi rende in qualche modo immortale, e sembra che tutto debba essere eterno. Sì, quella bambina, quel sorriso, quell'albero, quella spiaggia, quel viaggio...esisteranno per sempre. Non posso farne a meno. Se dovessi dimenticare la fotocamera quando ne ho bisogno, mi sentirei male. Bellissimo post e bellissime parole...compagna di passioni;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore per le tue parole, dolcissima Apely... E' splendido ritrovarsi qui, con la stessa passione ed emozioni forti e simili nell'imbracciare una fotocamera, qualunque essa sia, e fissare l'attimo.
      Ti abbraccio

      Elimina
  6. Anche io sono un'amante della fotografia, la mia passione è stata sin da piccola coltivata, nella mia famiglia abbiamo questa passione per le foto.
    Credo che un ricordo, un momento, un attimo debba sempre essere immortalato perchè la foto è ciò che ci rimanda a quell'attimo distante nel passato.
    Adoro le foto stampate, per quanto possa amare la tecnologia la pecca è senza dubbio che quasi più nessuno ha l'accortenza di stamparle e toccarle con mano.
    Buon proseguimento, ah ed anche io sto studiando per l'esame di diritto! Che piaga!
    Spero tu possa passare da me, mi farebbe piacere =)
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passerò di certo, intanto grazie di cuore per avermi detto la tua. Un bacione

      Elimina
  7. Anche io amo le fotografie! Appena avrò del tempo vorrei approfondire e magari fare un corso... baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, se solo avessi un po' di tempo, vorrei tanto iscrivermi a un corso!

      Elimina
  8. Anche a me piace molto fare le foto già da qualche anno, per il mio compleanno mi sono giusto fatta regalare la terza fotocamera della mia vita. Una compatta stavolta, proprio per portarmela dietro il più possibile, ma una buona compatta, devo dire.
    Mi hanno sempre detto che devo vivere più gli attimi e fare meno foto, forse è vero, anche insieme a tante persone, ero sempre quella che scattava le foto, e poi io, in queste foto, non c'ero quasi mai, come se quei momenti non li avessi mai vissuti...
    Adesso cerco di vivere un pochino di più e infatti scatto meno foto, secondo me si deve sempre cercare di trovare un buon compromesso fra le due cose.

    RispondiElimina
  9. nche a me piace moltissimo fare, e riguardare, fotografie

    RispondiElimina
  10. anche io amo la fotografia... e mi piace molto il tuo blog e come hai impostato le foto..davvero complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto! Queste foto però non le ho scattate io! :)

      Elimina

Posta un commento