#amaggiosistudia - NON RIUSCIRE A LEGGERE MI DISTRUGGE


Le studentesse come me potranno capire alla perfezione, soprattutto se, sempre come me, traggono dalla lettura parte della loro linfa vitale.
Leggere, per me, ha rappresentato e rappresenta il viaggio, la curiosità, la ricerca del sapere e la voglia di vivere, non solo tramite le mie esperienze reali e concrete, ma anche attraverso personaggi, luoghi e situazioni mai visti, talvolta di fantasia e talvolta così realistici da sembrar veri.
Leggere è uno di quei piacere a cui non potrei mai rinunciare: fa parte del mio essere, tanto quanto il mio (brutto) carattere o il mio aspetto estetico. Eppure, è da molti mesi ormai che non tocco pagina... o, comunque, che non riesco a terminare uno di quei bei volumi spessi che piacciono a me. Dalla scorsa estate, mi sono buttata a capofitto nella scrittura e questa operazione, naturalmente, ha sottratto molto tempo alla lettura: ho scritto in ogni momento, di mattina pomeriggio e sera, in ogni situazione in cui potevo ritagliare uno spazio per la mia più grande passione, per il sogno di una vita, per l'aspirazione ultima e per la risposta alla domanda "Cosa vuoi fare da grande?".
Ma la colpa più grave deriva dallo studio, che mi costringe su tomi infiniti, affaticandomi gli occhi e soprattutto la mente: purtroppo, una volta finite le pagine quotidiane che mi spettano (di solito, non meno di 70-80), non riesco proprio ad afferrare un libro e mettermi, di nuovo, a leggere. E' più forte di me. 
Tristemente, preferisco puntate di telefilm o video su YouTube, che mi possono dare svago senza impegnarmi troppo la testa. Mi sento sempre in difetto, però, perché so di perdere un mucchio di tempo davanti a inutilezze, mentre potrei spendere quei minuti di relax in viaggi esotici o avventure incredibili, tra le pagine di un romanzo che profuma di mistero e adrenalina. 

Ecco perché voglio impegnarmi per riprendere in mano ciò che mi appartiene: la lettura, la voglia di leggere, le ore spese col naso immerso dentro pagine stampate. 
In casa ho alcuni romanzi che devono assolutamente essere letti: "Il marchio del diavolo" e "I custodi della biblioteca" di Glenn Cooper, "Il superstite" di Wulf Dorn per esempio. In più, ho tutta l'intenzione di fare incetta di volumi la prossima volta che entrerò in una libreria, partendo dal fantasy scritto da Guglielmo Scilla, che ammiro sempre per l'acutezza e l'originalità con cui si propone sul web.

E voi? Che rapporto avete con la lettura? Qual è il genere che preferite? In che momento amate leggere? Qual è il vostro libro del cuore, e perché?

Fanni

Commenti

  1. La lettura ed io siamo indissolubili. Non esiste l'uno senza l'altro. Ovunque vado, c'è un libro con me.

    RispondiElimina
  2. http://spendopoco.wordpress.com/2013/05/08/haul-premi-grazie-a-tutte/ PREMIO PER TE!!! ADORO IL TUO BLOG!

    RispondiElimina
  3. Ti capisco davvero! L'unico periodo che riesco a leggere è d'estate, sotto l'ombrellone! Ormai con l'università è praticamente impossibile dedicarsi ad altro e quel poco tempo che ho a disposizione lo spendo per il blog! Sento molte ragazze che riescono addirittura a leggere 3\4 libri al mese.. non sai quanto le invidio!

    RispondiElimina
  4. Anche io come te amo leggere..ma l'università e soprattutto lo studio mi tolgono tutto il tempo e la voglia..anche io, dopo aver studiato e letto i libri per gli esami per tutto il giorno non ho assolutamente volgia di leggere e passo il tempo in relax sul computer..=( Comunque i libri di Glenn Cooper sono bellissimi (li ho letti anche io tempo fa, quando ancora ero libera..e non era #amaggiosistudia!!! )

    RispondiElimina
  5. Io ho sempre adorato leggere, ma effettivamente da quando ho iniziato l'università il tempo e la voglia si è affievolito parecchio..dopo aver passato la giornata a studiare, pensare di leggere ancora brrr, ora devo dire però che mi sono impegnata a riprendere in mano i libri, e lentamente procedo.

    RispondiElimina
  6. Come ti capisco! E' da mesi che non riesco a leggere perché oberata dallo studio..Anch'io come te la sera mi ritrovo a guardare qualche serie tv come forma di relax. E nel frattempo i libri da leggere si accumulano, ne ho ben 8 nuovi che mi aspettano! In questo periodo prediligo letture impegnative di tipo psicologico o filosofico, ma mi piacciono anche i romanzi. Leggere fa parte del mio DNA, non potrei vivere senza libri! Non ho attualmente un libro preferito, più che altro il genere che ho citato sopra =)

    RispondiElimina
  7. Ti capisco alla perfezione Fanni!!! Anche io da studentessa passavo dei periodi dove leggere per svago era dura, come ora passo dei periodi dove sono talmente stanca la sera che non riesco a leggere più di qualche pagina e la cosa mi fa soffrire (io leggo prevalentemente la sera prima di addormentarmi, e la domenica mattina se posso poltrire)! Però dai, magari il periodo post esami estivo potrà aiutarti a recuperare il tuo spazio lettura! Leggere è, anche per me, un piacere a cui non potrei mai rinunciare.

    PS: grazie per i tuoi consigli: ho già letto entrambi i libri di Carrisi, bellissimi. Due tra i thriller più avvincenti che abbia mai letto. Ora non vedo l'ora di leggere il suo ultimo romanzo "L'ipotesi del male", uscito giusto qualche giorno fa.

    RispondiElimina
  8. Amo leggere anch'io ho scoperto da poco Cooper e ho letteralmente mangiato i libri della serie di Piper, ma era durante le vacanze di Natale, la scuola è iniziata e ci ho messo di più a leggere il "Marchio del diavolo". Oggi ho comprato "la mappa del destino". Non vedo l'ora di incominciarlo. W leggere <3 <3

    RispondiElimina
  9. Io leggo tantissimo e, da che ricordo, ho sempre avuto dei libri tra le mani. Il genere che prediligo è il fantasy (Il Signore degli Anelli è in assoluto il mio libro preferito) ma leggo praticamente di tutto, fatta eccezione per i romanzi rosa in senso stretto e gli horror. Quando leggo? Non c'è mai stato un momento preciso, solitamente nei ritagli di tempo e durante le vacanze provo a passare intere giornate senza fare altro che leggere.

    RispondiElimina

Posta un commento