#amaggiosistudia - METODI DI STUDIO


Visto che Chiki88 è stata così carina da scrivermi il primo suggerimento sotto il post "#amaggiosistudia - LA SPIEGAZIONE", voglio assolutamente parlare di quanto lei ha proposto - anche perché l'argomento potrebbe essere utile a molte di noi.
Metodi di studio... eh già.

Ognuno ha il suo. E, a mio onesto parere, non ce n'è uno più giusto di altri, né esiste un modo universale per studiare "bene", assimilando al massimo le nozioni che vanno imparate. Siamo persone diverse, con caratteri differenti e mentalità sicuramente "uniche": ecco allora che ciascuno di noi deve trovare il metodo che più lo aggrada e che, soprattutto, renda al massimo delle proprie possibilità. 
Sinceramente, il mio, credo di non averlo ancora trovato. Quel che so, però, è che per me sono essenziali una serie di fattori, soprattutto nelle settimane prima di un esame importante:


- una scrivania su cui appoggiare libri e appunti
- una stanza silenziosa
- se non ne ho bisogno per studiare, il computer spento
- evidenziatori, a bizzeffe
- margini su cui appuntare parole chiave, numeri di articoli e micro riassunti
- una pausa ogni ora e mezzo/due ore per recuperare la concentrazione
- ripetere ad alta voce i concetti, sia per fissarli nella memoria sia per studiare il modo in cui dire le cose
- concentrare lo studio in un tempo "compatto", senza fare maratone di ore e ore e ore, tipo dalle 8 di mattina alle 10 di sera
- tanta forza di volontà


E qual è, invece, il vostro metodo di studio? Qual è la tecnica che utilizzate per rimanere concentrati? In che modo vi ritagliate delle pause e come spendete il poco tempo che avete per rilassarvi tra uno sforzo mentale e un altro?

Fanni

P.S. E domani saranno 23 anni...

P.P.S. Ringrazio di vero cuore Anna e Lucia per avermi assegnato un altro "Very Inspiring Blogger Award". Se vi siete persi qualche curiosità su di me, cliccate qui e verrete indirizzati al post di mercoledì scorso, dedicato appunto ai premi ricevuti e a una serie di domande a cui ho risposto per farmi conoscere meglio da tutti voi!

Commenti

  1. Io non ho un metodo di studio però mi trovo molto comoda a fare i riassunti di un qualsiasi argomento (italiano, storia, chimica...) e poi a leggerli tante volte ad alta voce...l'unica cosa costante deve essere il silenzio, devo sentire solo la mia voce quando leggo e/o ripeto ciò che ho scritto!

    RispondiElimina
  2. Innanzitutto grazie per avermi citato..e sono contenta che la mia proposta ti sia piaciuta!!! Il mio metodo di studio, che ormai uso da anni ( e che non cambierò più visto che mi mancano solo 3 esami all'università!!!) è il seguente: prima leggo tutti i libri o gli appunti di un corso, li sottolineo a matita e con l'evidenziatore(solo le cose più importanti); poi scelgo uno o più libri (in base anche al tempo che ho e alla mole di lavoro che c'è da fare) da schematizzare e riassumere (li scelgo in base all'importanza dei contenuti); infine studio e ripeto dai miei schemi! Io così mi trovo bene, ma concordo con te sul fatto che none siste un metodo giusto e uno sbagliato e che ogni persona ha il suo metodo! Un bacione!=)

    RispondiElimina
  3. più o meno io utilizzo lo stesso metodo,cerco di studiare poche(relativamente)cose in modo da fissare i concetti,mi trovo bene a scrivermi degli appunti che durante la memorizzazione mi aiutano a velocizzare i tempi.un bacio e auguri!

    RispondiElimina
  4. per me sono essenziali le spiegazioni in classe, sottolineare, leggere ad alta voce e riassumere tutto scrivendo su gogli che poi studierò. io faccio pause ogni ora in cui sto un po' al computer. quando studio devo sempre avere una tazza di tè caldo vicino.

    RispondiElimina
  5. Neanch'io ho ancora trovato il mio metodo...ne ho provati tanti però: ripetere e registrare la mia voce per poi riascoltarla (devo dire che con un paio di materie più discorsive ha funzionato), riassumere, schematizzare....Anch'io ho dei punti fermi, delle cose che devono necessariamente esserci per permettermi di studiare: tanti evidenziatori, matite colorate, schemi e rielaborazioni personali dei punti ostici, post it di vario colore, spazio al margine per scrivere dei mini titoli per ogni argomento e soprattutto tanta tanta tanta ripetizione! Purtroppo sono di quelli che per ricordare una cosa hanno bisogno di tanto tempo e sono anche molto lenta...per cui arrivo a ripetere un argomento anche 100 volte (e non sto scherzando)..prima di ricordare bene!

    RispondiElimina
  6. Uso il tuo stesso metodo, tranne per il silenzio, a casa mia siamo 3 sorelle e un gatto..ormai studiare nel caos fa parte del mio metodo, tanto che in biblioteca in università proprio non riesco a studiare. Come te poi ho bisogno di evidenziatori e margini su cui appuntare, mi aiuta a concepire per punti quello che studio e ad avere più ordine in testa.
    Le maratone poi non fanno proprio per me..meglio prendermi per tempo e concentrare lo studio in poche ore compatte.

    RispondiElimina
  7. Io sono in fase scrittura tesi, la seconda e ultima della mia vita..quindi ho bisogno sempre di una marea di libri attorno a me..lo spazio sulla scrivania di questa stanza a Lisbona è piccola quindi spesso mi adagio sul letto, ai danni della mia povera schiena che assume posizioni sfavoreli. in alternativa mi riempio lo zaino di quei cinque-sei chili di libri+quadernone+computer e mi trasferisco in biblioteca dove lo spazio è decisamente maggiore e quando voglio fare una pausa vado a scovare nuovi libri interessanti..sarà la stessa cosa che farò a giugno e luglio quando tornerò a Pisa e non avrò lo spazio in camera per studiare. Nelle ultime 4 settimane finalmente ho trovato la giusta ispirazione e sto scrivendo delle belle pagine, spero di continuare così :)

    Ciao ciao e tanti auguri!!!

    RispondiElimina

Posta un commento