Keep Fit! # 5


La palestra, questa grande "sconosciuta". C'è chi la rifugge peggio della peste e chi, invece, la idolatra assieme a santi e divinità. 

Anche qui, anzitutto, lasciatemi dire che andare in palestra è, sopra ogni cosa, uno sforzo  mentale (come ho raccontato in "Keep Fit! #1"): servono costanza e dedizione, voglia di fare e forza nel non "arrendersi". Perché, al contrario di una qualsiasi attività sportiva che impegna obbligatoriamente l'allievo tot. volte alla settimana in orari e momenti precisi, la palestra è qualcosa che invece va auto-gestito... e ben sappiamo che, di natura, su questo aspetto l'uomo è decisamente pigro e svogliato. 
Le scusanti per saltare un allenamento sono molteplici: "tanto ci posso andare domani", "se oggi non ci vado, non mi succede niente", "cosa vuoi che sia un allenamento in meno" eccetera.

Come vi ho detto, la "chiave" risiede nella testa: dobbiamo partire da lì per modificare le nostre abitudini e darci l'opportunità di vivere la "questione palestra" al meglio.
Inoltre, c'è un particolare che non deve sfuggirci, e che io ho imparato solo dopo un anno di frequentazione assidua: l'aspetto sociale.
Contro ogni aspettativa, infatti, in palestra mi sono creata una rete di conoscenze davvero piacevoli, con cui ad oggi è bello trascorrere un'ora/un'ora e mezza in compagnia, chiacchierando tra un esercizio e l'altro, tra un macchinario e l'altro. Certo, il "fare balotta" (come si dice a Bologna) non è stato qualcosa di immediato, ma sicuramente è venuto in maniera naturale man mano che mi facevo vedere all'interno della palestra e mostravo un carattere aperto e solare, salutando sempre tutti e non girandomi dall'altra parte quando qualcuno mi rivolgeva la parola, anche solo per chiedermi se avessi finito con un determinato attrezzo.

La palestra, dunque, può essere un luogo di aggregazione come tanti... anzi, forse anche più "sano" e "pulito" di molti altri. E' chiaro che, come in tutte le situazioni, bisogna avere anche la fortuna di incontrare le persone giuste, però frequentare uno spazio del genere dà buone opportunità di socializzare, ve lo garantisco.
Pensate che io sono una tra le pochissime ragazze che frequentano la mia palestra, perciò tutti i ragazzi lì - e in particolare tre o quattro - mi trattano come una principessa, ridendo e scherzando ma, soprattutto, facendomi sentire "una di loro".
Tenevo molto a presentarvi anche questo aspetto perché, per quanto mi riguarda, non è stato immediato il collegamento palestra = nuovi amici (venendo io da 14 anni di sport di squadra... e lì sì che era tutt'altra storia!), ma adesso mi ritengo molto soddisfatta del percorso che ho intrapreso, anche per ciò di cui vi ho appena parlato.

Infine passo la palla a voi: credevate che la palestra fosse un luogo più "chiuso" e, magari, misogino? Se avete frequentato un luogo del genere, avete avuto esperienze positive o negative? Cos'è che vi frena dall'andare in palestra (oltre alla mancanza di tempo/voglia)?
Se vi va, raccontatemi come la pensate: sarò felice di leggere i vostri contributi!


Fanni

Commenti

  1. Io non ho mai amato andare in palestra, ho cambiato tante volte ma non mi sono mai trovata bene. Poi tanti istruttori (dico tanti, non tutti) sembra vogliano più fare i fighi o chiacchierare piuttosto che controllare che tu stia svolgendo bene l'esercizio, e alla fine non sono mai riuscita a mettere a frutto le ore di palestra. Adesso faccio pilates ed è tutta un'altra storia, orari fissi (e con quello che costa ti assicuro che non sfalco nemmeno una lezione), numero chiuso e istruttrici che sanno bene cosa sbaglierai, come correggerti, come aiutarti e soprattutto cosa puoi o non puoi fare o con le tue capacità. In palestra non sono mai riuscita a socializzare molto, ma la frequentavo quando avevo 16/18 anni e tutti i frequentanti erano più vecchi, adesso che ne ho probabilmente troverei più gente con cui chiacchierare

    RispondiElimina
  2. Ho frequentato, taaaanti anni faaaa, sia la palestra che la piscina.
    In piscina mi trovavo proprio nel mio elemento: in acqua, testa bassa e pedalare.
    In palestra mi sentivo un po' più a disagio per via di quelle con la puzza sotto il naso e la tutina all'ultima moda che ti guardano dall'alto in basso facendoti i raggi ogni giorno.
    Io facevo attività tipo step, gag, ecc... le macchine non mi sono mai piaciute, troppo noiose!
    Invece l'attività aerobica mi piaceva moltissimo anche perché sempre a base di musica!
    Ora, per via di tutti gli impegni lavorativi e famigliari, ed anche per via di una certa età che ormai inesorabilmente avanza, vado a camminare quasi tutti i giorni, circa 6km. in pausa pranzo con una mia amica e cerchiamo di tenere il passo più allegro possibile, chiacchiere permettendo!!! Da sola non uscirei nemmeno di casa, ci vuole sempre uno stimolo per poter affrontare uno sforzo così importante!!! Ciaooo

    RispondiElimina
  3. Io ho più di una decina di anni di esperienza alle mie spalle di fitness e pesistica in palestra e di varie palestre.
    Posso confermare tutto quello che hai detto ma anche tutto il contrario perchè come dicevi tu è importante trovare le persone giuste e a volte anche gli orari giusti. Mi è capitata la palestra fighissima con ragazze/donne dalla puzza sotto il naso... orari di punta dove non si trova una panca nemmeno a pagarla o uomini che usano manubri da 20kg e poi li lasciano in ogniddove invece di rimetterli a posto... La stessa palestra altri orari sembrava un paradiso, tanto per dirne una, allora ti rilassi e conosci il proprietario del ristorante che va alle 7 di mattina perchè poi deve andare ad aprire il locale, il signore in pensione che fa esercizio mentre la nipotina va a fare acquaticità.... qualche professionista che come te approfitta della calma del mattino...
    La cosa davvero bella, come dicevi tu, è che se gli uomini ti vedono fare attività pesistica seriamente e non per finta come fa il 95% delle donne in palestra dopo un po' cominciano a rispettarti e a parlarti come uno di loro!
    In questo periodo della mia vita mi è un po' passata la voglia di palestra e mi sto dedicando alla danza, ma raccontando queste cose quasi quasi mi è tornata! =)

    RispondiElimina

Posta un commento