Vener... di Random # 40

Torna, dopo tempo immemore, un nuovo "Vener... di Random". 
Scritto di fretta, un giovedì sera come tanti, prima di uscire a cena con alcune amiche della palestra. 
Pubblicato il giorno giusto, oggi, per salutarvi prima del fine settimana.


So che sembrerò stucchevole, banale e ripetitiva, ma ci tengo che tutto l'amore per la vita che serbo dentro di me, come la luce di un faro, traspaia anche qui, sul mio blog. 
Forse, potrà essere d'ispirazione per qualcuno. Forse, per lo meno, potrà strappare un sorriso, un pensiero di speranza, un palpito di fiducia verso il prossimo. 
Io stessa, tempo addietro, ho trascorso un lungo periodo di buio: ed era fondamentale, per me, circondarmi di persone positive che mi mostrassero continuamente il lato gioioso delle giornate, anziché mantenermi sul pezzo, sulla mia condizione e sulle mie riflessioni lamentose e contorte.


Ridete, ridete tanto. Ridete ogni giorno.
Cercate di dimostrare gentilezza in ogni momento, nel più piccolo gesto.
Fermatevi davanti alla finestra ad ammirare l'azzurro del cielo, sentite sulla pelle i primi raggi del sole.
Scrivete, nei messaggi, che volete bene alle persone con cui state parlando. E, se non vi imbarazza farlo a voce, diteglielo direttamente.
Date una mano a chi ne ha bisogno, sorprendete e sorprendetevi.
Non date mai nulla per scontato, soprattutto i sentimenti di coloro che vi circondano e vi amano.
Dedicate del tempo a voi stessi, ma dedicatene di più agli altri.
Leggete, scrivete, ascoltate musica, interessatevi alle arti, alimentate le vostre passioni. Chiedetevi sempre il perché delle cose, siate felici per i successi altrui e cercate di non provare invidia per chi sembra avere di più.
Combattete strenuamente ogni battaglia, dalla più piccola alla più impegnativa.
Siate le migliori persone possibili, non abbandonatevi allo sconforto e all'apatia.
Godete del cibo, dei sorrisi, del bel tempo, di un paesaggio suggestivo, di un gesto speciale, di un attimo irripetibile.
Traete forza dalla famiglia - sia essa il nucleo naturale formato da vincoli di sangue, sia invece un gruppo di persone di cui vi siete circondati deliberatamente.
Abbiate il coraggio di chiedere aiuto se pensate di non farcela: da soli sarà impossibile uscire dalla melma in cui vi trovate. Per questo, non sarete meno rispettabili, meno degni, meno forti... anzi.


Scusate, scusate davvero per questo sproloquio. Ma la vita è bellissima, è qualcosa di così grande immenso da non riuscire, spesso, a essere considerato nella sua interezza. Nella sua importanza, nel suo splendore.
Ho solo 23 anni, di vissuto ne ho poco da raccontare. Probabilmente, le vere "fatiche" e i problemi reali ancora non ho idea di cosa siano.
Quello che so, però, è che amo così tanto svegliarmi alla mattina e sapere di avere dinnanzi a me una giornata da affrontare, da sentirmi in grado di poter fare qualunque cosa, anche nel momento più buio, anche nella situazione più complicata.

Vi auguro un weekend memorabile,

Fanni

Commenti