London weekend (day 1)

Era la prima volta che visitavo Londra, ed ero emozionatissima. 
Come vi avevo raccontato in questo post, io e la mia amica abbiamo deciso di partire e  prenotato nel giro di due giorni. La settimana dopo siamo volate in Inghilterra. Non avete idea della carica che mi ha dato questa piccola "follia". 

In quest'altro post vi avevo parlato del mio bagaglio a mano: della difficoltà di partire con poche cose appresso, della lista e delle strategie che ho adottato io per compattare in poco spazio tutto il necessario. Nel caso doveste partire a breve, vi consiglio di dargli uno sguardo. Magari potrebbe tornarvi utile. 



Le Alpi dal finestrino dell'aereo


L'aeroporto di Stansted


Io in aeroporto (il mio nuovo taglio di capelli: lunghi davanti e corti dietro)

Ma veniamo a noi...
Siamo partite sabato 3 marzo, a metà mattina. Abbiamo volato con Ryanair e il tragitto è durato poco meno di due ore. Il volo è andato bene e siamo atterrate all'aeroporto di Stansted (il più lontano da Londra) per l'ora di pranzo. 
Dopo infiniti controlli, abbiamo pranzato da Burger King (il primo di una luuuunga serie di pasti davvero poco sani) e poi siamo salite su uno dei pullman (di cui avevamo comperato i biglietti all'aeroporto di Bologna, al costo di 9 € circa) che ci ha condotte fino a Victoria Station, in pieno centro di Londra (in alternativa, da Stansted parte anche un trenino, chiamato Stansted Express, che impiega meno tempo ma costa il doppio). 

Davanti a Victoria Station abbiamo conosciuto due ragazzi (sia loro che noi non riuscivamo ad orientarci per trovare l'entrata giusta della metropolitana), che poi sono diventati i nostri compagni d'avventura per tutto il weekend. 
Compagnia migliore non poteva capitarci: ho riso come non facevo da tempo, grazie a loro! Tra l'altro, sulla metro verso il nostro albergo abbiamo scoperto che il loro hotel distava di poco dal nostro... quindi eravamo proprio "destinate" a fare amicizia con loro!






La fermata della metropolitana Bayswater


Bayswater era la nostra fermata, Reem Hotel il nostro albergo (prenotato su Booking.com). Un posto modesto ma pulito, con stanze molto piccole ma perfette per appoggiarsi solo alla notte. Noi uscivamo alla mattina, verso le 9, e rientravamo alle sette di sera: ci facevamo una bella doccia calda, uscivamo per cenare e alle 23.30 circa andavamo a dormire.
La comodità più grande dell'albergo è stata senz'altro la posizione: a 3 minuti dalla fermata Bayswater e vicinissima ad una via piena di fast food e catene di ristoranti quali Mc Donald's, Burger King, Eat, Pret A Manger, Starbucks, Pizza Hut e così via.
Se voleste qualche informazione in più su Reem Hotel, non esitate a chiedermelo nei commenti.



Case colorate a Notting Hill




Portobello Road




Alcuni mercatini in Portobello Road




Bici gialla davanti ad un negozio




The Travel Bookshop


Avendo a disposizione solo metà giornata, il nostro programma è stato piuttosto prevedibile: un giro nella vicina zona di Notting Hill e, in particolare, una passeggiata lungo il mercato di Portobello Road. Con tappa inevitabile davanti al famosissimo Travel Bookshop dello strepitoso "Notting Hill" con Hugh Grant e Julia Roberts. 
L'aspetto più grandioso di questa zona? Senza dubbio i colori e gli odori. Nel mercato si vendono soprattutto pezzi d'antiquariato, ma anche ninnoli per turisti; inoltre, vi sono innumerevoli stand di diverse nazionalità che offrono piatti tipici (dalla paella al cus cus, dalle crepes alla pizza), un paradiso olfattivo che è quasi impossibile da descrivere. 




Harrod's illuminato



Reparto pelletteria (Valentino, Miu Miu)




Reparto gioielleria




Harrod's shop


Verso le sette di sera siamo stati per la prima volta da Harrod's, un mondo talmente incantato che è quasi difficile credere che esista davvero. 
Lussuoso, ricco, opulento. Incredibilmente carico di magia, di sogni, di vita. Un palazzo pieno di borse, gioielli, abiti d'alta moda, attrezzatura sportiva, arredamento per la casa, giocattoli per bambini... e molto di più. 
Ci credete che non siamo riusciti a comprare nulla, quel giorno? C'era così tanto da guardare che, di fatto, non siamo stati capaci di vedere nulla. Nell'assurdità del luogo, nell'eccezionalità della situazione. 





Piccadilly Circus


Abbiamo poi coronato la splendida prima giornata nella capitale britannica a Piccadilly Circus, la piazza più colorata e stupefacente che io abbia mai visto in vita mia. Diversa da tutte: animata di centinaia di persone, di artisti di strada, di musica ad ogni angolo, di vita, di chiacchiere, di urla, di risate, di canzoni. Addirittura di una parata. Mentre, intorno a noi, danzavano migliaia di luci colorate, di led luminosi, di scritte al neon. 




Abbiamo mangiato dei panini lì, per strada, per non perderci nemmeno un secondo di Londra by night. E abbiamo concluso la nostra primissima esperienza londinese dentro al negozio più dolce che ci sia: l'M&M's world, uno store di quattro piani che ha dell'incredibile. Un profumo intenso di cioccolata ovunque, e colori, colori, colori. Col sottofondo degli ultimi successi musicali, accompagnati dalla nostra euforica incredulità. 


Questo è stato il mio primo giorno a Londra. Ed è stato meraviglioso. 
A domani, per il secondo giorno. Nel frattempo, se avete qualsiasi curiosità, notizia o richiesta, non esitate a scrivermi tutto nei commenti o al solito indirizzo e-mail trailfilosoficoeilcosmetico@hotmail.it.


Fanni

Commenti

  1. Wow Fanni...! Servirebbe anche a me fare un viaggetto..!
    Che bella cosa aver trovato dei compagni di viaggio là!!
    Fammi capire una cosa sulla storia dei giveaway...è vero?? cioè questo normativa che gira..è vera? non si possono mettere in palio premi del valore complessivo superiore ai 2€??? :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, da quel che ho capito d'ora in poi la storia sarà proprio questa. Infatti, come molte altre, ho deciso che io ogni tanto "premierò" una lettrice fedele e le manderò direttamente a casa un piccolo "bottino" per ringraziarla dell'affetto! Ma niente più giveaway, non voglio rischiare di prendere multe salatissime!

      Elimina
  2. Mi emoziono sempre a sentire racconti su Londra.
    E' la città che più mi fa stare bene, quando arrivo dentro di me cambia qualcosa.
    Aspetto di leggere il resoconto della seconda giornata!

    RispondiElimina
  3. bellissima questa prima giornata...non vedo l'ora di rivedere Londra nella tua seconda tappa :)

    RispondiElimina
  4. Lo leggerete domani, ragazze! Sono felice che questo post vi sia piaciuto!

    RispondiElimina
  5. Che bel primo giorno Fanni!!
    E stavo giusto cercando un hotel semplice ma pulito per quando finalmente tornerò a Londra!! Mi sa che mi segno questo che hai prenotato tu! :D

    RispondiElimina
  6. Io a londra ci andrò ad aprile!!! Che coraggio prenotare solo qualche giorno prima! : )

    RispondiElimina
  7. Che meravigliaaa!!!!!!!!!*_* non vedo l ora di andarci prima o poi!!!

    RispondiElimina
  8. E vedrete il post di domani! E quello di domani l'altro!!! ;)

    RispondiElimina
  9. Che bella Londra *____* è una delle tante città che vorrei visitare deve essere stupenda :3

    RispondiElimina
  10. adoro londraaaaaaaaaaaa le foto sono stupende mi hanno fatto venire voglia di partire subito..
    se ti va passa dal mio blog a lasciare un commento positivo sulle borse sissirossi mi farebbe davvero molto piacere...
    http://color-blockbyfelym.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Sono contentissima che questo post vi abbia interessato! A domani per la seconda parte!

    RispondiElimina
  12. che bello uhhh voglio fare un bel viaggetto anche ioooooo e vedere Harrod's e il mega negozio di dolciumi *____*

    RispondiElimina
  13. aaaaah il bookshop di hugh *___* *___*

    RispondiElimina

Posta un commento